Cortina d'Ampezzo, in moto verso la Perla delle Dolomiti

Curve e tornanti tra scenari straordinari, alla scoperta dei piccoli centri di montagna verso Cortina d’Ampezzo, la ‘perla delle Dolomiti’. L’itinerario che collega Belluno a Dobbiaco incanta per la maestosità e il fascino della natura.

Partenza da Belluno verso Agordo, oggi sede di un importante museo, che conserva nel suo nucleo antico edifici sette-ottocenteschi, e poi via Alleghe e Caprile verso il Passo Falzarego attraverso scenari alpini di assoluta bellezza. Con la sua incredibile serie di tornanti, il Passo Falzarego è uno dei passaggi più apprezzati dai motociclisti di tutta Europa.

Sosta a Pocol con vista su Cortina d’Ampezzo nella valle sottostante. Meta successiva è Selva di Cadore, a cui si arriva attraverso il Passo Giau (2233 m.), uno scenario straordinario delimitato da Nuvolau, Averau e dalla Tofana di Mezzo, con in lontananza i profili della Marmolada, del Sella e del Catinaccio.

Da Selva si prosegue fino a Forno di Zoldo attraverso valichi e tornanti a 1300 mt di quota. Da vedere nella frazione di Pieve la Chiesa di San Floriano, con la facciata interamente rivestita di affreschi della scuola dei Vecellio. Attraverso il passo di Cibiana, località celebre per i famosi murales, si giunge via Pieve di Cadore, paese natale di Tiziano Vecellio e sede del museo dell’occhiale, ad Auronzo di Cadore.

Da non perdere, in una tappa aggiuntiva, una visita a Misurina, sovrastata dalle Tre Cime di Lavaredo e affacciata nel lago, massimo specchio d’acqua naturale del Cadore.

Sul percorso originale, attraverso il Passo delle Tre Croci, si accede a Cortina d’Ampezzo, all’interno del Parco naturale delle Dolomiti d’Ampezzo, la “perla delle Dolomiti”, così definita per lo scenario che circonda la sua conca e per il prestigio internazionale di cui gode.

Da vedere a Cortina il Municipio, che ospita il Museo della Grande Guerra, e la Ciasa de ra Regoles, sede delle autonomie ampezzane, del famoso Museo Etnografico delle Regole e del Museo di Arte Moderna Mario Rimoldi. Da Cortina si prosegue lungo la strada di Alemagna con poche curve impegnative fino a Dobbiaco/Toblach, borgo dal classico stile tirolese e la cui antica Chiesa Parrocchiale, in stile rococò rimane a testimoniare la precedente dominazione austriaca.

Dolomiti MotoHotelCerca Hotel per motociclisti sulle Dolomiti
top

Foto Belluno Archivio Dolomiti.it / Foto Cortina e Tre Cime Mario Vidor.